Tutti gli articoli di Michele Salvezza

Report // Venezia 70. Depressioni di settembre

Venezia 70. Depressioni di settembre Michele Salvezza alla 70. Mostra Internazionale d’Arte cinematografica (2013)   Quante gocce di rugiada intorno a me, cerco il sole ma non c’è. Venezia 70. Depressioni di settembre. Quest’anno ero partito con i migliori propositi e con la speranza di assistere ad una mostra con meno nomi noti ma più film notevoli. Maledette aspettative! Mi

La leggenda di Kaspar Hauser > Davide Manuli

È un musical post-mortem, La leggenda di Kaspar Hauser. Un musical muto, senza parole. Quelle che ci sono, comunque troppe, sono inutili. Siamo al telefono senza fili. Voglio diventare un cavaliere, come mio padre. Voglio diventare il cavallo di mio padre. Voglio diventare un cavallo. Ma un somaro diventa, Kaspar Hauser. Sorretto esanime da una carriola. Orecchie posticce utili solo

Only God Forgives > Nicolas Winding Refn

Only God Forgives > Nicolas Winding Refn

È la storia dello scontro tra un uomo che si crede Dio e uno deciso ad affrontarlo. Il tema della violenza nell’arte è qualcosa di tutt’altro che recente. Cosa avranno pensato i coevi di Michelangelo quando svelò Giuditta e Oloferne? L’arte può essere un atto di violenza; ma può anche non esserlo, va da sé. Refn parla apertamente di Cinema

La grande bellezza > Paolo Sorrentino

Uno sputo si tuffa in una pozza di sputo illudendosi di essere colui che sputa. Mi annoio. Vorrei tanto non scrivere niente ma ho già fallito. Mi perdonerete l’eccesso di citazioni. “Ciò che mi sembra bello, quello che vorrei fare, è un libro su nulla, un libro senza appigli esteriori, che si tenesse su da solo per la forza intrinseca

L’ultimo pastore > Marco Bonfanti

L’ultimo pastore regia di Marco Bonfanti (Italia/2012) recensione a cura di Michele Salvezza   Prima di leggere questa recensione è bene sapere che lo scrivente ha restituito il cuore nei 7 sette giorni previsti dalla legge, ottenendo come rimborso una porzione suppletiva d’intelletto e che sposa la filosofia di Roberto Carlino «Non sogni ma solide realtà». La retorica è negli

Holy Motors > Leos Carax

PAROLE SANTE Holy Motors | Leos Carax | Francia-Germania/2012 di Michele Salvezza da Rapporto Confidenziale 37   didascalico [di-da-scà-li-co] agg. (pl.m. -ci, f. -che) 1. Volto a spiegare, a far capire, a facilitare l’apprendimento: esporre un argomento in forma d. 2. Con riferimento a opera letteraria in prosa o in versi, che espone precetti morali o nozioni scientifiche e tecniche,

Il meglio del 2012 – Michele Salvezza

«Amo molto parlare di niente. È l’unico argomento di cui so tutto» – Oscar Wilde –   ● ● ● Anche quest’anno vogliamo giocare con i film e con il calendario. Abbiamo chiesto a amici e collaboratori, professionisti del settore e cinefili, un elenco dei 5 migliori film usciti, o visti per la prima volta, durante l’anno solare 2012. Concluderemo

Reality > Matteo Garrone

UN FILM BRUTTO, PER FORZA Reality | Matteo Garrone (Italia-Francia/2012) a cura di Michele Salvezza da Rapporto Confidenziale 36   Ma cu sti mode, oje Bríggeta, tazza ‘e café parite: sotto tenite ‘o zzuccaro, e ‘ncoppa, amara site… Ma i’ tanto ch’aggi’’a vutá, e tanto ch’aggi’’a girá… ca ‘o ddoce ‘e sott’’a tazza, fin’a ‘mmocca mm’ha da arrivá! Reality è

Saziando l’uomo > Alessandro G. Capuzzi, Emanuele Dainotti

Saziando l’Uomo è un film da manuale, da manuale di filosofia. Forse è per questo che pare non poggiare su di una Weltanschauung originaria dei due autori che troppo spesso cedono alla tentazioni di rendere dialogicamente tutta una serie di enunciati filosofici, finendo col denunciare una mancanza di naturalezza soprattutto a livello recitativo. Di conseguenza, fatica a venire fuori l’idea

Bella addormentata > Marco Bellocchio

Bella addormentata regia di Marco Bellocchio (Italia-Francia/2012) recensione a cura di Michele Salvezza   La Bella addormentata a cui fa riferimento Bellocchio non è una persona fisica. La Bella addormentata è piuttosto la nostra coscienza, immobile di fronte ad ogni dilemma morale che ci tocca da vicino. Ma La Bella addormenta è anche l’Italia, il nostro Paese, incapace di superare