Dell’ammazzare il maiale | Simone Massi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Dell’ammazzare il maiale è un capolavoro che non ha senso provare a raccontare, è un sogno, un ricordo impossibile, è la concretizzazione dell’inconscio collettivo della terra, degli uomini e le donne che la abitano, ma è, prima di ogni altra cosa, un frammento dell’anima del suo autore, che appare, a noi che la guardiamo, un qualcosa di sublime e miracoloso, capace di farci ricordare che pure dentro a noi stessi (dietro ai nostri occhi), da qualche parte, c’è un variopinto animale selvatico che chiede di poter tornare a volare. AG

 

Dell’ammazzare il maiale è stato realizzato in un anno e mezzo e con la stessa tecnica dei due lavori che lo precedono: pastelli a olio su carta graffiati con strumenti da incisione. A questa tecnica ci sono arrivato per caso e per volontà, provando e cercando finché 8 anni fa ho finalmente trovato. Dal 2004 disegno in questa maniera ed è diventato il mio marchio di fabbrica… Un lavoro fisico, una tecnica che mi costa molta fatica, però il segno è potente e giusto per le storie che racconto: è il mio segno, e allora va bene, cerco di portarlo avanti. Simone Massi

 

 

Dell’ammazzare il maiale
Ideazione e realizzazione: Simone Massi – Riprese: Julia Gromskaya – Colonna sonora: Stefano Sasso – Consulente alla colonna sonora: Larry Sider – Postproduzione: Lola Capote Ortiz – Produzione: Simone Massi – Tecnica: Pastelli a olio su carta – Formato: DigiBeta – Paese: Italia – Anno: 2011 – Durata: 6’20"

 

Festivals 61 (premi / awards 14) /// 2010: Corto Pro (1° Premio – Progetti); 2011: Torino Film Festival (Menzione Speciale), Animateka Ljubljana, Tirana Film Festival; 2012: Dieciminuti FF, Clermont-Ferrand ISFF, Rotterdam IFF, Visioni Italiane, Athens Animfest, Evanston Talking Pictures, Saguenay ISFF, Nastri d’Argento, Lisbon Monstra (Onda Curta Prize), Utrecht HAFF, Terra di Cinema, Dresden Filmfest, Teplice Anifest, David di Donatello (Miglior cortometraggio), Stuttgart Trickfilm, Zagreb Animafest (Special Jury Prize), Krakow FF, Annecy IAF (panorama), Sofia Golden Kuker (Special Jury Award), Melbourne IAF, Bergamo Festival Internazionale del Cinema d’Arte, Euganea Film Festival, Animamundi, Overlook (Menzione Speciale), Imaginaria (Miglior animazione), Hiroshima International Animation Festival, Animanima (Best Director), Croq Festival, Milano Film Festival, Balkanima, Anim’est (Menzione Speciale), Festival du Court Métrage de Limoges, Sydney International Animation Festival, Fano International Film Festival, Wiesbaden International Weekend of Animation, Tindirindis International Animation Festival, Banjaluka International Animated Festival, London International Animation Festival, DokLeipzig, Invideo, Ljubljana International Film Festival, Ozu Film Festival, Istanbul International Animation Festival, Barcelona L’Alternativa, Australia International Animation Festival, Madrid Festival de Cine Italiano (Special Mention), Etiuda & Anima (Silver Jabberwocky), Animax Skopje Fest (Bronze Brick), Seoul Animpact Max, Buenos Aires Cine Italiano, Barcelona Festival de Cine Italiano; 2013: Barcelona Opera Prima (Best director), Bogotrax, Tehran IAF, Akbank SFF, Lisbon Festa DCI, Citrus Cel

 

speciale SIMONE MASSI
a cura di Rapporto Confidenziale – link

Simone Massi. Bio/filmografia
a cura di Camilla Cacciari

Haiku, sogni, memoria, anima. Intervista a Simone Massi
a cura di Alessio Galbiati

Dell’ammazzare il maiale
a cura di Alessio Galbiati

Simone Massi | 4 cortometraggi
La memoria dei cani + Io so chi sono + Piccola mare + Tengo la posizione

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+