L’Alfabetiere

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Alfabetiere - Copertina

Le parole sono infinite, sono una giungla tipografica in cui perdersi, fra sensi, nessi, smarrimenti sintattici e assonanze. La ricchezza del vocabolario è vastissima e tenta oggi di resistere all’impoverimento digitale, con frasi inaridite al nocciolo e poche manciate di parole che girano nelle circonvoluzioni cerebrali, con netto smacco per i poveri Wernicke e Broca, maltrattati come gli ultimi dei pezzenti.
L’Alfabetiere vuole essere un’isola, una piccola isola di resistenza ma anche di estrema curiosità.
Mi sono immaginato un piccolo vocabolario scritto solamente da persone che stimo moltissimo, alle quali ho assegnato una lettera dell’alfabeto dalle quali ognuno ha poi scelto la propria parola!
21 piccole gemme, 21 narrazioni, 21 parole scelte, descritte, riscritte, stornellate, sbranate, rimodellate, pensate, dissezionate, musicate.
Contro questi tempi afasici e privi di immaginazione ecco a voi l’Alfabetiere.

 

Le lettere de L’Alfabetiere saranno pubblicate in quattro “puntate”.
1. Lettere A B C D E | 19 settembre 2016
2.
Lettere F G H I L | 5 ottobre 2016
3.
Lettere M N O P Q | 24 ottobre 2016
4.
Lettere R S T U V Z | 7 novembre 2016

 

a cura di Francesco Selvi
Art Direction: ilcanediPavlov

 

+ + +

 

 

L'Alfabetiere - A

A di Alfabetiere
a cura di Francesco Selvi

L’alfabeto bambini, ripetete con me le letterine! Ed ora dettato, per ogni lettera una parola, scrivete sul quadernino le parole che vi dico, forza. Irregimentati i bambini scrivono, ripetono, scrivono, ripetono… fino a quando il meccanismo si incrina e man mano la A di alfabetiere si trasforma in A di anarchia.

Fonte / Source

francesco_selvi_alfabetiere

Francesco Selvi. Da 35 anni Francesco gioca, dapprima con il teatro, poi con il cinema ed infine con la radio. Al momento in cui scrive non ha ancora finito di vedere il mondo come una grande faràndola colorata, a cui ha l’ambizione di poter aggiungere qualche sfumatura. Francesco Selvi è redattore di Rapporto Confidenziale.

 

+ + +

 

L'Alfabetiere - B

B di Letterina B
a cura di Luca Ferri

Una improvvisata filastrocca cantata da replicare esclusivamente in giornate di forte nebbia e clima severo, quasi ostile. la letterina b è una grande briccona visto che vive di vita autonoma all’interno dell’alfabetiere. Il testo cerca di interpretare e sintetizzare la tiepida follia trattenuta e solipsisitica di una letterina gonfia e al tempo stesso pasciuta.

Fonte / Source

luca_ferri_alfabetiere

Luca Ferri (Bergamo, 1976). Lavora su suono e immagine. Dal 2005 al 2008 ha diretto corto-, medio- e lungo-metraggi selezionati in concorsi, rassegne e mostre cinematografiche. Nel 2011 magog [o epifania del barbagianni] è stato proiettato a Bergamo; nel 2012 è stato selezionato in molti festival cinematografici, tra i quali la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro. Il lungometraggio ecce ubu (2012) è stato proiettato in diverse gallerie e rassegne. Il cortometraggio kaputt/katastrophe (2012) ha preso parte in concorso al Cinemazero festival di Trento e dal 2014 è distribuito da Visual Container. I suoi lavori sono stati prodotti da Lab 80 Film e recentemente acquisiti dal Circuito Nomadica. Nel 2012 è stato selezionato per il Filmmaker Workshops a Milano, tenuto da Ben Rivers, Michelangelo Frammartino, Leonardo Di Costanzo. Nel 2013 il film habitat [piavoli], ritratto del famoso regista italiano codiretto con Claudio Casazza, è stato selezionato al Torino Film Festial e durante il 2014 è stato proiettato in diverse sale e festival cinematografici, tra i quali Laceno d’Oro e Neue Heimat Film Festival. Nel 2014 il lungometraggio abacuc è stato presentato in anteprima mondiale al Festival Internacioal de Cine de Mar Del Plata e selezionato al Torino Film Festival e al Filmmakerfest di Milano. Nel 2016 colombi, il suo ultimo cortometraggio, è stato presentato in Orizzonti alla Mostra del Cinema di Venezia. ferriferri.com

 

+ + +

 

L'Alfabetiere - C

C di Cinema
a cura di Giuseppe Spina

Da tempo aspettavo la possibilità di fare qualcosa in audio, di non frontale e immobilizzante. A Francesco è sembrato naturale che la C fosse destinata al cinema, ed ecco la radice Ki/Ci che ha il senso del movimento, e l’aspetto (apparentemente) utopico di una proiezione senza immagini. [l’audio è tratto da uno dei miei filmtones, il vol.4, “criminal history”]

Fonte / Source

giuseppe_spina_alfabetiere

Giuseppe Spina. Cineasta, si occupa di ricerca cinematografica, sperimentazioni varie, suoni, scrittura. Dirige le ricerche e l’organizzazione del circuito internazionale itinerante di cinema e arti cinetiche NOMADICA.

 

+ + +

 

L'Alfabetiere - D

D di Desinare
a cura di Ignazio Fabio Mazzola

Arriva arriva quello che deve arrivare, non ti preoccupare, non ti preoccupare.
Non arriva più quello che doveva arrivare, preoccupati pure, preoccupati pure.

Fonte / Source

ingnazio_fabio_mazzola_alfabetiere

Ignazio Fabio Mazzola (Bari, 1980). Si è diplomato presso l’Istituto Statale d’Arte di Bari ed ha frequentato la Facoltà di Architettura del Politecnico barese. Nei suoi video indaga una condizione corporea ed esistenziale che oscilla tra la narrazione biografica e la dimensione collettiva. Vive e lavora a Bari.

 

+ + +

 

L'Alfabetiere - E

E di Enantiodromia
a cura di Leonardo Persia

L’enantiodromia, la corsa verso l’opposto, che Eraclito indicava come armonia e Jung come inevitabile compensazione dell’inconscio, un principio buddista, religioso tout-court (vedi Bergman), sia afro che cristiano (la croce di Exu e quella di Cristo, così ben saldate nel film voodoo di Spencer Williams, The Blood of Jesus, fatto risorgere da Bill Gunn, Spike Lee, Jake Mahaffy), trova la punta teorica massima nell’arte e quella pratica minima, se non miserrima, nella vita. Di sicuro, l’alto che diventa basso o viceversa è, sostanzialmente, ancora un principio enantiodromico.

Fonte / Source

leonardo_persia_alfabetiere

Leonardo Persia. Nato tanto tempo fa in una galassia lontana lontana, poi precipitato per sbaglio sulla Terra, si muove anche lui, parlando o scrivendo di cinema, tra il dentro e il fuori, tra l’extra e l’in, tra l’alieno e l’alienato. Rincorrendo una sognata armonia degli opposti, o forse un’armonia opposta, contrapposta, supposta. Il contrario complementare del terrigeno a tinta unica, supplemento extragalattico miope. Leonardo Persia è redattore di Rapporto Confidenziale.

 

+ + +

 

Le lettere de L’Alfabetiere saranno pubblicate in quattro “puntate”.
1. Lettere A B C D E | 19 settembre 2016
2.
Lettere F G H I L | 5 ottobre 2016
3.
Lettere M N O P Q | 24 ottobre 2016
4.
Lettere R S T U V Z | 7 novembre 2016

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+