speciale IL MEGLIO DEL 2011

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Il 2011 va in archivio. È stato un anno complicato e triste sotto molti punti di vista. Noi abbiamo il cinema come medicina, come cura alle sofferenze della Vita e della Storia. Quest’anno abbiamo voluto giocare con la nostra redazione, con le persone che nell’ultimo anno hanno scritto per Rapporto Confidenziale e con una serie di amici, collaboratori e personalità che hanno accettato l’ingrato compito di stilare un elenco dei 5 migliori film usciti, o visti per la prima volta, nell’anno solare 2011. Ne è uscito un elenco corposo ed originale che vogliamo condividere con i nostri lettori, con il fine di fornire qualche consiglio per la visione che possa rischiarare il 2012. Alla faccia di ogni profezia catastrofica.

 

I risultati:

 

 

4 voti

▪ Le Havre di Aki Kaurismäki (Finlandia-Francia-Germania/2011)
▪ The Tree Of Life di Terrence Malick (USA/2011)
▪ Faust di Aleksandr Sokurov (Russia/2011)

 

3 voti

▪ Jodaeiye Nader az Simin (A Separation) di Asghar Farhadi (Iran/2011)
▪ Drive di Nicolas Winding Refn (USA/2011)
▪ Melancholia di Lars von Trier (Danimarca-Svezia-Francia-Germania/2011)
▪ Pina di Wim Wenders (Germania-Francia-UK/2011)
▪ Habemus Papam di Nanni Moretti (Italia/2011)
▪ Weekend di Andrew Haigh (UK/2011)

 

2 voti

▪ Kotoko di Shinya Tsukamoto (Giappone/2011)
▪ La piel que habito di Pedro Almodóvar (Spagna/2011)
▪ Jûsan-nin no shikaku (13 Assassins) di Takashi Miike (Giappone-UK/2010)
▪ This is England di Shane Meadows (UK/2006)
▪ Carnage di Roman Polanski (Francia-Germania-Polonia-Spagna/2011)
▪ A Torinói ló (The Turin Horse) di Béla Tarr (Ung-Fra-Ger-Svi-USA/2011)

 

 

Le 19 selezioni:

 

Giampiero Raganelli
Cut di Amir Naderi (Giappone-Francia-USA-Corea del Sud-Turchia/2011)
Siglo ng pagluluwal (Century of Birthing) di Lav Diaz (Filippine/2011)
A Torinói ló (The Turin Horse) di Béla Tarr (Ungheria-Francia-Germania-Svizzera-USA/2011)
Finisterrae di Sergio Caballero (Spagna/2010)
Opfergang di Veit Harlan (Germania/1944)
leggi l’articolo
 
Gonçalo Tocha
Nippon-koku Furuyashiki-mura (A Japanese Village) di Shinsuke Ogawa (Giappone/1982)
Yoman (Diary) di David Perlov (Israele/1973-1983)
Loong Boonmee raleuk chat (Uncle Boonmee Who Can Recall His Past Lives) di Apichatpong Weerasethakul (Thailandia/2010)
In film nist (This is not a Film) di Jafar Panahi (Iran/2011)
Yama no Anata di Aya Koretsky (Portogallo/2011)
leggi l’articolo
 
Roberto Rippa
É na terra não é na lua (It’s the Earth not the Moon) di Gonçalo Tocha (Portogallo/2011)
Jodaeiye Nader az Simin (A Separation) di Asghar Farhadi (Iran/2011)
Weekend di Andrew Haigh (UK/2011)
Tayeb, Khalas, Yalla di Rania Attieh e Daniel Garcia (Emirati arabi-Libano/2011)
Black Moon di Louis Malle (Francia-Germania Ovest/1975)
leggi l’articolo
 
Maurizio Mongiovi
Tangled di Nathan Greno, Byron Howard (USA/2010)
La prima cosa bella di Paolo Virzì (Italia/2010)
Jodaeiye Nader az Simin (A Separation) di Asghar Farhadi (Iran/2011)
Le nom des gens di Michel Leclerc (Francia/2010)
Habemus Papam di Nanni Moretti (Italia/2011)
leggi l’articolo
 
Alessio Galbiati
Memories of a Morning (Recuerdos de una mañana) di José Luis Guerín (Corea del Sud/2011)
Sion Sono, tutto!
Drive di Nicolas Winding Refn (USA/2011)
Le Havre di Aki Kaurismäki (Finlandia-Francia-Germania/2011)
Le chiavi per il paradiso di Caterina Carone (Italia/2007)
leggi l’articolo
 
Scott Telek
Jûsan-nin no shikaku (13 Assassins) di Takashi Miike (Giappone-UK/2010)
Weekend di Andrew Haigh (UK/2011)
Limitless di Neil Burger (USA/2011)
Andrey Rublyov (Andrei Rublev) di Andrej Tarkovskij (Unione Sovietica/1966)
Night and the City di Jules Dassin (UK/1950)
leggi l’articolo
 
Gabriele Baldaccini
Faust di Aleksandr Sokurov (Russia/2011)
The Tree Of Life di Terrence Malick (USA/2011)
Carnage di Roman Polanski (Francia-Germania-Polonia-Spagna/2011)
Habemus Papam di Nanni Moretti (Italia/2011)
Seppuku di Masaki Kobayashi (Giappone/1962)
leggi l’articolo
 
Marc Fratello
Shi (Poetry) di Lee Chang-dong (Corea del Sud/2010-2011)
In Darkness di Agnieszka Holland (Polonia/2011)
Project Nim di James Marsh (UK-USA/2011)
Martha Marcy May Marlene di Sean Durkin (USA/2011)
Weekend di Andrew Haigh (UK/2011)
leggi l’articolo
 
Gabrielle Lucantonio
The Tree of Life di Terrence Malick (USA/2011)
Super 8 di J.J. Abrams (USA/2011)
The Adventures of Tintin di Steven Spielberg (USA-Nuova Zelanda/2011)
Pina di Wim Wenders (Germania-Francia-UK/2011)
Melancholia di Lars von Trier (Danimarca-Svezia-Francia-Germania/2011)
leggi l’articolo
 
Matteo Contin
Drive di Nicolas Winding Refn (USA/2011)
Pina di Wim Wenders (Germania-Francia-UK/2011)
Meek’s Cutoff di Kelly Reichardt (USA/2010)
Greenberg di Noah Baumbach (USA/2010)
Jûsan-nin no shikaku (13 Assassins) di Takashi Miike (Giappone-UK/2010)
leggi l’articolo
 
Ivan Talarico
Qualunquemente di Giulio Manfredonia (Italia/2011)
I soliti idioti di Enrico Lando (Italia/2011)
Il giorno in più di Massimo Venier (Italia/2011)
Quando la notte di Cristina Comencini (Italia/2011)
Vacanze di Natale a Cortina di Neri Parenti (Italia/2011)
leggi l’articolo
 
Michele Salvezza
Le Havre di Aki Kaurismäki (Finlandia-Francia-Germania/2011)
Kynodontas (Dogtooth) di Giorgos Lanthimos (Grecia/2009)
Faust di Aleksandr Sokurov (Russia/2011)
Melancholia di Lars von Trier (Danimarca-Svezia-Francia-Germania/2011)
Enter the Void di Gaspar Noé (Francia-Germania-Italia-Canada/2009)
leggi l’articolo
 
Olivier Père
Drive di Nicolas Winding Refn (USA/2011)
Melancholia di Lars von Trier (Danimarca-Svezia-Francia-Germania/2011)
The Tree of Life di Terrence Malick (USA/2011)
Essential Killing di Jerzy Skolimowski (Polonia-Norvegia-Irlanda-Ungheria/2010)
Black Swan di Darren Aronofsky (USA/2010)
leggi l’articolo
 
Loredana Flacco
Jodaeiye Nader az Simin (A Separation) di Asghar Farhadi (Iran/2011)
Le Havre di Aki Kaurismäki (Finlandia-Francia-Germania/2011)
This is England di Shane Meadows (UK/2006)
Io la conoscevo bene di Antonio Pietrangeli (Italia-Germania Est-Francia/1965)
Le quattro volte di Michelangelo Frammartino (Italia-Germania-Svizzera/2010)
leggi l’articolo
 
Leonardo Persia
A Torinói ló (The Turin Horse) di Béla Tarr (Ungheria-Francia-Germania-Svizzera-USA/2011)
Mistérios de Lisboa di Raúl Ruiz (Portogallo-Francia/2010)
The Tree of Life di Terrence Malick (USA/2011)
A Dangerous Method di David Cronenberg (Canada-UK-Germania-Svizzera/2011)
La piel que habito di Pedro Almodóvar (Spagna/2011)
leggi l’articolo
 
Fabrizio Fogliato
Senna di Asif Kapadia (UK/2010)
Faust di Aleksandr Sokurov (Russia/2011)
La piel que habito di Pedro Almodóvar (Spagna/2011)
Bronson di Nicolas Winding Refn (UK/2008)
Vénus noire di Abdellatif Kechiche (Francia-Belgio/2010)
leggi l’articolo
 
Francesco Selvi
Ščast’e moe (My Joy) di Sergei Loznica (Germania-Ucraina-Olanda/2010)
This is England di Shane Meadows (UK/2006)
Faust di Aleksandr Sokurov (Russia/2011)
Le Havre di Aki Kaurismäki (Finlandia-Francia-Germania/2011)
Le feu follet di Louis Malle (Francia/1963)
leggi l’articolo
 
Emanuele Dainotti
Ghost di Dahci Ma (Corea del Sud/2011)
El año del tigre (The Years of the Tiger) di Sebastiàn Lélio (Cile/2011)
Okuribito (Departures) di Yôjirô Takita (Giappone/2008)
2 ou 3 choses que je sais d’elle di Jean-Luc Godard (Francia/1966)
Kotoko di Shinya Tsukamoto (Giappone/2011)
leggi l’articolo
 
Andrea Inzerillo
Le Gamin au vélo di Jean-Pierre e Luc Dardenne (Belgio-Francia-Italia/2011)
Kotoko di Shinya Tsukamoto (Giappone/2011)
Io sono Tony Scott di Franco Maresco (Italia/2010)
Hereafter di Clint Eastwood (USA/2010)
Pina di Wim Wenders (Germania/2011)
leggi l’articolo
 
Simone Buttazzi
Unter dir die Stadt di Christoph Hochhäusler (Germania/2010)
Submarine di Richard Ayoade (UK/2010)
Carnage di Roman Polanski (Francia-Germania-Polonia-Spagna/2011)
Halt auf freier Strecke di Andreas Dresen (Germania/2011)
Habemus Papam di Nanni Moretti (Italia/2011)
leggi l’articolo

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+